6. La memoria di lavoro inconscia

Iwata:

Detto per inciso, esiste anche la cosiddetta "memoria di lavoro inconscia", vero? Per esempio, a volte guardando alcuni dati, l'istinto ti dice che qualcosa non va. Mi viene da pensare che nel cervello sia in atto qualche elaborazione in background… Cose simili accadono ad esempio quando un esperto d'arte osserva un'opera d'arte e riesce a distinguere un falso senza ombra di dubbio. Mi chiedo se non sia la manifestazione della memoria di lavoro in background. Da esperto del cervello, cosa ne pensa, Dr. Kawashima?

Kawashima:

Beh, si ritiene che la memoria di lavoro funzioni proprio come l'ha appena descritta lei. La parte del cervello che controlliamo inconsciamente è piuttosto piccola, mentre la parte controllata in modo subliminale è piuttosto estesa. Secondo le teorie attuali, il cervello elabora continuamente informazioni in background, ma solo le informazioni necessarie emergono a livello conscio. L'elaborazione inconscia è svolta dalla memoria di lavoro, che di conseguenza viene presumibilmente potenziata giocando a Brain Training infernale, in particolare con gli esercizi del Calcolo infernale.

Iwata:

Proprio così. Un giocatore del Calcolo infernale mi ha detto che le soluzioni gli venivano in mente spontaneamente durante il gioco, sebbene non le avesse memorizzate consciamente.

Kawashima:

Secondo la mia esperienza, quando ho imparato a gestire abilmente due o tre soluzioni precedenti e ho iniziato a pensare che presto ne avrei gestite forse quattro, è successo qualcosa…

Iwata:

In pratica sta dicendo che la memoria di lavoro conscia raggiunge il suo limite in Calcolo infernale a tre problemi e, per essere in grado di memorizzare una quarta soluzione, è necessario essere capaci di usare la memoria di lavoro inconscia?

Kawashima:

Proprio così. Si sa la risposta anche se non si è consapevoli. Semplicemente affiora... Occorre andare a frugare in qualcosa che è sepolto molto al di sotto dei numeri nella propria mente. E allora qualcosa di nascosto all'ombra della memoria conscia affiora all'improvviso. È un mistero affascinante persino per me. In certi momenti ho pensato veramente che nel mio cervello fosse cambiato qualcosa.

Iwata Asks
Iwata:

In questo senso e rispetto alla possibilità di allenare la memoria di lavoro per aumentare in vari modi il potenziale delle funzioni cerebrali profonde, è un campo che offre enormi possibilità.

Kawashima:

Sì, è vero. Da un lato Brain Training infernale offre a molti la possibilità di allenare il cervello, mentre dall'altro sono veramente curioso di scoprire quali altri benefici apporta.

Iwata:

Secondo lei, dunque, oltre ai miglioramenti di funzioni cerebrali ovvie come una maggior memoria, potrebbe avere altri benefici sul cervello umano?

Kawashima:

Penso che a livello individuale potrebbero verificarsi una serie di cose. Tuttavia, gli esseri umani fanno davvero fatica ad accorgersi dei propri cambiamenti. All'inizio dunque (e questa è solo una mia congettura) è molto più probabile che siano gli amici o i familiari a notare che qualcosa è cambiato nel giocatore.

Iwata:

Già, l'uomo non è molto bravo a percepire i cambiamenti graduali, vero? Siamo in grado di percepire solo i grandi cambiamenti, meglio se avvengono sugli altri e ancora meglio se si tratta di persone che non vediamo da un po' o a cui non abbiamo fatto attenzione.

Kawashima:

Suppongo che anche lei tenga discorsi in cui si presentano sessioni di domande e risposte, Iwata-san. In passato, se mi veniva posta una domanda suddivisa in tre parti, ad esempio, ero solito pensare a cosa rispondere mentre parlavo, in modo da coprire tutti gli aspetti della questione. Adesso invece, se solo mi rilasso un istante, mi tocca chiedere all'interlocutore qual era il terzo punto della domanda. Prova lampante che la capacità della mia memoria di lavoro si è ridotta. (ride)

Iwata:

Questo software è concepito per aiutare le persone oltre una certa età a ripristinare le massime facoltà cerebrali possedute da giovani e per aiutare i giovani a raggiungere il loro potenziale pieno e non ancora completamente utilizzato.

Iwata Asks
Kawashima:

Proprio così.

Iwata:

Detto per inciso, dalla prima proposta di Brain Training infernale ci sono voluti tre anni per passare dalla fase di sviluppo al prodotto finito… Perché è così difficile che volevamo mollare ogni volta che tentavamo di superare gli esercizi!

Kawashima:

Sì, la capisco benissimo! (ride)

Iwata:

Immagino che il team di produzione abbia avuto filo da torcere nel mantenere la motivazione dei giocatori. Sarà stato necessario ricorrere ad ogni sorta di espedienti per mantenere la concentrazione di persone con poca forza di volontà o per farle tornare a giocare dopo una pausa. Spero proprio che il pubblico apprezzi i tre anni di duro lavoro che il nostro staff vi ha dedicato.

Kawashima:

La nostra proposta conteneva alcuni ostacoli molto impegnativi da superare. Non vedo l'ora di scoprire come reagirà il pubblico mondiale a questo nuovo titolo. Qui stavolta la parola chiave è "competizione". Mi aspetto molto dalla funzione StreetPass16. Non vedo l'ora di passeggiare in città e sfoggiare i miei punteggi di allenamento!16 StreetPass™ è una funzione che, se attiva, consente agli utenti di scambiare determinati dati di gioco con altri utenti di Nintendo 3DS vicini a loro per strada, semplicemente spostandosi con la console Nintendo 3DS accesa. L'utilizzo di StreetPass con Brain Training infernale permette agli utenti di scambiarsi i risultati dell'allenamento con altri utenti incontrati per strada, confrontare i risultati e cercare di fare meglio.

Iwata:

Sì. Un'altra nuova funzione include la funzione SpotPass17, che è stata affrontata nei suoi incontri col nostro team di sviluppo, mi pare. Se i giocatori acconsentono all'uso di SpotPass sulla loro console Nintendo 3DS, i loro dati di allenamento raccolti durante il primo mese saranno inviati al Dr. Kawashima e ad altri esperti. Naturalmente non saranno inviate informazioni personali. Questo ci fornirà senza dubbio un campione essenziale di dati scientifici sul cambiamento del cervello dei giocatori di Brain Training infernale.17 SpotPass™ è una funzione della console Nintendo 3DS che, una volta attivata, trasmette diverse informazioni e contenuti quando si è connessi a una rete wireless LAN.

Kawashima:

Sì. Dato che saremo in grado di raccogliere centinaia di migliaia di campioni, vorrei analizzare i dati con l'aiuto di alcuni professori di scienze dell'informazione. Sarebbe interessante se potessimo scoprire qualcosa di nuovo.

Iwata:

Potrebbe aiutare la sua ricerca a fare un passo avanti e a scoprire nuovi collegamenti o magari a dimostrare alcune delle sue ipotesi.

Kawashima:

Sì. Brain Training infernale contiene vari esercizi d'allenamento, dunque ciascuno scoprirà di avere punti forti e deboli. In termini tecnici sarebbe interessante usare il riconoscimento di pattern, dividendo le persone in gruppi e osservando quali cambiamenti avvengono nelle persone forti in determinate attività.

Iwata Asks
Iwata:

In effetti, i precedenti giochi Brain Training hanno evidenziato questi pattern, ad esempio persone brave nel calcolo, ma meno ferrate negli esercizi di memoria. Anche nell'allenamento della memoria di lavoro ci sarà chi è più in gamba in alcune cose e meno in altre, suppongo. In questo senso, è veramente molto interessante che il nostro prodotto possa contribuire alla ricerca di ultima generazione.

Kawashima:

Riuscire a vedere le conclusioni e i risultati di questa ricerca è un obiettivo molto ambizioso e impegnativo.

Iwata:

Bene, allora siamo in due ad attendere con trepidazione la pubblicazione di questo titolo. Mi auguro che continueremo a lavorare insieme anche in futuro. Grazie, Dr. Kawashima.

Kawashima:

Sì, ne sarei felice! Grazie.