Nintendo eShop - Appuntamento con gli sviluppatori: Image & Form su SteamWorld Dig


03/12/2013

Disponibile ora nel Nintendo eShop di Nintendo 3DS, SteamWorld Dig è un mix unico di azione, platform e avventura "mineraria". Per saperne di più sul percorso di sviluppo su Nintendo 3DS, sui giochi Nintendo DSiWare della serie e molto altro, abbiamo intervistato il CEO di Image & Form, Brjánn Sigurgeirsson.

CI7_3DSDS_SteamWorldDig_Creator.png

Nintendo of Europe: Per prima cosa le chiedo di presentarsi e dirci che ruolo ha avuto nella realizzazione di SteamWorld Dig.

Brjánn Sigurgeirsson: Mi chiamo Brjánn Sigurgeirsson e sono il CEO di Image & Form. È tutto direi! Il lavoro vero lo hanno fatto tutti gli altri, io mi sono solo preso il merito. Sono un usurpatore di meriti altrui! Ecco, il mio titolo dovrebbe essere questo!

NoE: Quando è nata Image & Form e quante persone ci lavorano?

BS: Image & Form è stata fondata nel 1997 e abbiamo iniziato a sviluppare giochi a tempo pieno nel 2002. Fino al 2009 abbiamo lavorato prevalentemente su commissione, poi abbiamo smesso per concentrarci sullo sviluppo di nostri titoli originali. Abbiamo iniziato a lavorare a SteamWorld Dig nell'ottobre del 2012 e lo abbiamo completato nel giugno del 2013. Un periodo lunghissimo per noi: è il progetto di sviluppo di un gioco autoprodotto che ha ci ha impegnati per il tempo più lungo in assoluto. A febbraio abbiamo finito i soldi e abbiamo dovuto chiedere un prestito per riuscire a finire il gioco.

Attualmente siamo 12 persone, più uno stagista, quindi siamo 13 in tutto. Ci sono io, il CEO, Marco, il project manager, quattro grafici, cinque programmatori/designer e uno stagista.

CI7_3DSDS_SteamWorldDig_Screen_5.png

NoE: Diceva che questo è il progetto che in assoluto vi ha impegnati più a lungo come azienda. È stato un atto d'amore per tutti voi?

BS: Oh, sicuramente sì. Quando vieni dal lavoro su commissione e il publisher del gioco mette sempre in discussione le tue idee, inizi a difenderle con grande passione ed è successo anche qui. All'inizio della creazione del gioco, avevamo concordato di cercare di non uccidere, metaforicamente parlando, molte delle cose e idee a cui tenevamo. Ma alla fine alcune le abbiamo dovute sacrificare per mancanza di tempo, anche se devo dire che abbiamo amato SteamWorld Dig fin dalle primissime fasi dello sviluppo.

Quello che sto per dire forse vi sorprenderà, perché in generale il gioco è ritenuto molto ben progettato, ma eravamo già in una fase piuttosto avanzata dello sviluppo quando ci siamo resi conto che il gioco non era divertente. E a quel punto sarebbe stato molto difficile cambiare alcune cose, ma probabilmente il momento saliente di tutto il progetto è stato quando abbiamo deciso di fare piazza pulita di tutto ciò che non funzionava e aggiungere gli elementi che lo hanno trasformato in un gioco fantastico.

NoE: Dev'essere stato un periodo molto impegnativo, ma ovviamente alla fine tutto è andato per il meglio.

BS: Sì e il merito va soprattutto ai ragazzi del team. Quando hai lavorato con grande impegno a qualcosa e ti rendi conto che non sta andando come volevi, e devi guardare dietro l'angolo e capisci che cambiare le cose comporta tanto altro duro lavoro, il morale ti scende a terra. Ma non è andata così. Il team ha fatto un ottimo lavoro di squadra, era indispensabile la collaborazione di tutti. E se non avessimo fatto tutto il necessario, non sarebbe stato poi così diverso da quando lavoravamo su commissione e accettavamo nostro malgrado le cattive idee dei publisher. Se eravamo disposti a farci andare bene le nostre cattive idee, qual era il punto? Volevamo creare il gioco più bello di sempre, e credo che da un certo punto di vista ci siamo riusciti.

NoE: SteamWorld Dig è disponibile ora nel Nintendo eShop di Nintendo 3DS. Può presentare brevemente il gioco a beneficio dei nostri lettori che non lo hanno ancora visto?

BS: Certo! Si tratta di un’avventura mineraria a piattaforme, quindi se si amano i platform questo gioco piacerà sicuramente; e piacerà anche se si amano i giochi di miniere. E piacerà anche agli appassionati di giochi d'avventura con una trama. Praticamente ho appena incluso nel target l'intero genere umano!

CI7_3DSDS_SteamWorldDig_Screen_7.png

Volevamo ispirarci ai classici, includere in SteamWorld Dig elementi dei giochi classici. La gente fa riferimento a Metroid e Castlevania o persino a Mr. Driller e Dig Dug. Naturalmente, un gioco di miniere sarà sempre paragonato ad altri giochi di miniere e anche se noi diciamo che è "il primo nel suo genere", chi lo prova pensa "oh, bella questa cosa, come nell'altro gioco!” Per cui non volevamo inventare di nuovo la ruota, volevamo prendere il meglio dei giochi che consideriamo dei veri classici. E se la gente capirà le nostre intenzioni, ne saremo molto felici.

NoE: Lo ha definito "il primo nel suo genere": può spiegare ai nuovi giocatori cosa si fa nel gioco?

BS: In questo gioco è il giocatore stesso a creare la mappa. È un gioco di miniere, per cui scavi, scavi, scavi. È l'obiettivo del gioco: scendere sempre più giù e raccogliere i minerali, poi li riporti in superficie e li vendi, e con il ricavato aggiorni il tuo equipaggiamento. Ciò che lo rende davvero speciale è il fatto che è il giocatore a decidere dove vuole andare. Non ti guidiamo o obblighiamo a seguire una direzione specifica: ti diamo solo dei sottili suggerimenti sulla direzione da intraprendere, ma sei tu a decidere come giocare.

NoE: Quando avete iniziato a sviluppare il gioco, avevate già questa visione estremamente libera del gameplay?

BS: Sì, fin dall'inizio. Avevamo visto altri giochi di miniere e di scavi dove il giocatore può fare esattamente ciò che vuole e volevamo che SteamWorld Dig offrisse lo stesso senso di libertà. Il gioco è randomizzato: quando avvii un nuovo file di salvataggio, il posizionamento delle cose può essere differente, per cui ogni volta che inizi a giocare è un'esperienza nuova, e tu e i tuoi amici vivrete esperienze differenti. Oltre alle zone randomizzate, ci sono anche delle caverne, che sono dei rompicapi predisegnati.

Trovo anche che l'ambientazione del gioco sia molto bella. Il giocatore veste i panni di un robot e all'inizio non ha idea di cosa accadrà, ma mentre la storia progredisce capisce che ci sono anche degli esseri umani e a un certo punto li incontrerà. Il robot controllato dal giocatore e gli altri robot sono molto semplici e gran lavoratori, mentre la razza umana si è evoluta in qualcosa di non molto positivo.

NoE: La grafica e lo stile visivo del gioco sono molto particolari. Come avete creato questo mix di Far West e steampunk?

BS: In realtà già nel 2009 avevamo creato un titolo Nintendo DSiWare che si chiamava SteamWorld Tower Defense e aveva lo stesso mix di robot industriosi che lavorano nelle miniere e umani che tentano di entrare. L'idea di creare SteamWorld Dig è nata un giorno durante la pausa pranzo: stavamo parlando del mondo di quel gioco, di come lo avevamo creato, con i robot laboriosi e gli umani avari e meschini, e del perché di tutto questo. Così abbiamo deciso di esplorare un po' più a fondo questo mondo e creare un altro gioco e siccome tutto ruotava attorno alle miniere, abbiamo deciso di creare un'avventura mineraria. Le influenze dello steampunk e del Far West non potevano essere troppo distanti; le macchine alimentate a vapore sono arrivate verso la fine del 19° secolo, che era anche l'epoca del selvaggio West, per cui questa sovrapposizione c'era già.

CI7_3DSDS_SteamWorldDig_Screen_2.png

Devo anche aggiungere che abbiamo uno dei migliori art director del mondo, e qualunque cosa decida di fare riesce sempre ad aggiungere un tocco di genialità. In generale, siamo stati molto soddisfatti dello stile del gioco sin dall'inizio.

NoE: Come siete riusciti a portare uno stile grafico così unico su Nintendo 3DS?

BS: È stato un processo difficile; come dicevo prima, il gioco adesso sembra progettato in modo impeccabile, ma è il risultato di un processo lungo e impegnativo. Abbiamo dovuto cambiare radicalmente il nostro modo di pensare e ricominciare da zero. Durante quegli otto mesi, la grafica e il funzionamento del gioco sono cambiati molto a seconda delle diverse fasi. Ma creare le risorse di un gioco è un processo molto bello: man mano che metti insieme i vari pezzi pensi “sì, grande! Questo gioco sta finalmente prendendo forma!”

NoE: Avete scoperto che c'era qualche funzionalità della console Nintendo 3DS che vi permetteva di creare qualcosa di veramente bello con il gioco?

BS: Beh, un elemento che volevamo assolutamente avere nel gioco che sfruttava veramente una caratteristica di Nintendo 3DS era l'effetto 3D. Volevamo creare un gioco in 2D, ma allo stesso tempo volevamo offrire una piacevole esperienza di gioco in 3D. A un certo punto durante lo sviluppo abbiamo guardato Mighty Switch Force! di WayForward: avevano creato un platform in 2D graficamente piuttosto semplice, ma con un effetto parallasse davvero bello. Allora ci siamo detti “facciamolo anche noi, ma a modo nostro”.

E penso che Nintendo 3DS sia una console di gioco fantastica. È portatile, puoi iniziare a giocare fin dal momento in cui la apri e i controlli sono perfetti per il nostro gioco. Senza dimenticare che puoi avere uno schermo per giocare e uno schermo secondario, caratteristica che credo siamo riusciti a sfruttare molto bene. La mappa ha un'importanza così fondamentale nel nostro gioco che è fantastico averla sott'occhio in ogni momento sulla console Nintendo 3DS.

CI7_3DSDS_SteamWorldDig_Screen_8.png

NoE: Il gioco è uscito da qualche mese ormai: quali sono state le reazioni dei giocatori?

BS: Sono state unanimemente molto, molto positive. E all'inizio eravamo molto spaventati e nervosi, perché eravamo stati molto presi dallo sviluppo del gioco. È come quando fai musica: se scrivi una canzone e l'ascolti cento volte, dopo la centesima volta diventa molto difficile capire se è bella oppure no. Sapevamo che avevamo creato un gioco valido, ma non sapevamo che era un gioco fantastico.

Quando sono uscite le prime recensioni dopo la pubblicazione, con punteggi di 8/10 e 9/10, persino 10/10, abbiamo quasi pianto per il sollievo. E poi il gioco è arrivato al primo posto nelle classifiche europee del Nintendo eShop, stessa cosa in Australia e dopo qualche settimana ha raggiunto il primo posto anche negli Stati Uniti. Finora il gioco ha soddisfatto ogni nostra più rosea aspettativa.

Riceviamo feedback da tantissimi giocatori online, su Twitter ecc., che ci scrivono per dirci che è un gioco favoloso. Siamo molti grati per queste espressioni di grande apprezzamento, ma a un certo punto sei quasi in imbarazzo perché non sai cosa dire: hai ringraziato tutti e li hai chiamati tutti fratelli (ride) La comunità dei gamer ha fatto un tam tam straordinario, è un grande successo dovuto al passaparola. Siamo molto grati alla comunità dei gamer.

NoE: Per concludere questa intervista, c'è qualche segreto che vorrebbe svelare ai fan, magari qualche aspetto del gioco che non hanno ancora scoperto?

BS: In realtà ci sono molte sorprese nel gioco, sotto forma di riferimenti ad altri giochi e film, per esempio. Voglio dire, se li trovi pensi “ah, quello è un riferimento al tal gioco o al tal film”. In tutto penso che ci siano otto o dieci giochi, e se li trovi ottieni un bel bonus extra.

NoE: Cosa vorrebbe dire ai possessori di Nintendo 3DS che non hanno ancora il gioco?

BS: Penso che possiate scegliere di giocare a SteamWorld Dig per Nintendo 3DS senza timori. Costa poco, solo € 8,99, e se lo proverete penso che rimarrete estremamente e piacevolmente sorpresi. Infine, voglio dire un'ultima cosa a tutti i gamer: provate più giochi. Giocate ai giochi che non siete abituati a giocare; e se vi piace un genere specifico, provate qualcosa di diverso. Ma giocate a più giochi!


SteamWorld Dig è disponibile ora nel Nintendo eShop di Nintendo 3DS.